Passatempi per mantenersi attivi in quarantena

La maggior parte di noi è costretta a trascorrere tutta la giornata a casa: oltre a molte attività lavorative anche tutte le attività ricreative e sociali sono ferme. Anche se abbiamo a disposizione Internet e la possibilità di soddisfare qualsiasi tipo di curiosità o di interesse, il rischio è quello di finire a fare sempre le stesse cose.
Per quanto possa sembrare paradossale, questi giorni sospesi possono essere utilizzati come un’opportunità per imparare qualcosa di nuovo, per sperimentare attività e, in un certo senso, per mettersi in gioco.

Cucinare e preparare il pane

Rimanere molto tempo a casa ha permesso a molti di cimentarsi in cucina, in alcuni casi si tratta di persone a cui piace cucinare e che hanno semplicemente molto più tempo per farlo, in altri casi, invece, si tratta di principianti che seguendo suggerimenti e consigli hanno deciso di trascorrere il proprio tempo davanti ai fornelli.
L’impossibilità, poi, di uscire tutti i giorni ha spinto i più a dedicarsi alla preparazione del pane, un’attività che prima della quarantena interessava una piccola fetta di persone e che adesso ne coinvolge, invece, molte di più.

Libri da colorare 

Il libri da colorare per adulti sono sul mercato da diversi anni, propongono un modo creativo ed estremamente rilassante di impiegare il proprio tempo. Online si trovano molte risorse utili sia per chi vuole iniziare a colorare qualcosa di semplice, sia per chi vuole cimentarsi da subito con qualcosa di più complicato.

Seguire un corso online

Le risorse online sono normalmente tante. In questo periodo sono aumentate e chi si occupa di formazione ha messo parte della sua offerta formativa a disposizione. Questo potrebbe essere il periodo giusto per dedicarsi ad argomenti che non si è mai trovato il tempo di approfondire o per soddisfare qualche curiosità particolare.

Fare un puzzle 

Questa è una attività che, soprattutto per i puzzle più complicati, porta via molto tempo e molte energie mentali: richiede, infatti, uno sforzo mentale importante. Fare un puzzle sa dare piccole e grandi soddisfazioni a seconda della complessità della figura da comporre, inoltre può coinvolgere più persone e diventare un modo come un altro per condividere in maniera diversa lo spazio e il tempo domestico.

Consigli dopo un mese di quarantena

Ci stiamo lasciando alle spalle il primo mese di lockdown e di quarantena. La situazione relativa alla diffusione del coronavirus nel nostro Paese sta migliorando troppo lentamente per poter pensare di abbassare la guardia, il rischio che il contagio torni a diffondersi velocemente è molto elevato.
Quest’anno trascorreremo festività pasquali a casa, in molti casi lontani dai parenti più stretti e dagli amici più cari. Viviamo questo tempo sospeso senza poter fare programmi e senza riuscire a capire quando potremo tornare se non proprio alla normalità, almeno a uscire per una passeggiata o per vedere i nostri cari.

Lockdown: effetti sul corpo e sulla mente 

Dai paesi che hanno affrontato il lockdown prima dell’Italia, e che con cautela stanno cercando di eliminare alcune restrizioni, non arrivano notizie confortanti: un mese di lockdown ha avuto effetti sia sulla mente che sul corpo delle persone. Quelli che ne hanno risentito maggiormente sono stati gli adulti con patologie pregresse e le persone che sono state costrette a smettere di lavorare.
Lo stress, invece, ha interessato tutti.
Per questo è importante fare molta attenzione a come affrontiamo questi giorni e impegnarsi per non lasciarsi andare.

Mantenere relazioni sociali anche se virtuali

Probabilmente anche a te sarà capitato di pensare che lo smartphone è uno degli elementi che ci aiuta perché ci permette di mantenere contatti e una parvenza di socialità.
Gli smartphone, internet e applicazioni specifiche permettono di organizzare video chiamate di gruppo e, in alcuni casi, anche di condividere aperitivi o cene con persone che sono a distanza. È un modo per combattere la solitudine e definire una forma di vicinanza con persone che sono lontane, amici o parenti, ma che stanno vivendo la stessa situazione.

Impegnarsi a fare qualcosa di nuovo

Imparare qualcosa di nuovo che può essere utile per la propria professione o per la quotidianità, è un modo per pensare a questo tempo come a un’opportunità. Per quanto possa sembrare paradossale questo è uno degli approcci migliori.
Abbiamo tutti una lista di cose da fare che continuiamo a rimandare. Adesso abbiamo la possibilità di scoprire qualcosa di nuovo e di dare spazio alle nostre passioni.

Creare una routine quotidiana

Siamo abituati a pensare alla routine quotidiana con terrore, come a qualcosa da combattere. Stiamo scoprendo che definirne una che dia ordine alla quotidianità domestica ha la sua utilità.
Se non è possibile riprodurre i ritmi quotidiani che si avevano prima del lockdown è consigliabile definirne di nuovi. L’aspetto più impegnativo dello stare in casa è, infatti, l’autogestione del proprio tempo.

Ci attende ancora un periodo, ci auguriamo non troppo lungo, da trascorrere in casa.
Sarà una Pasqua anomala, ci auguriamo sia per tutti una Pasqua serena.